L’Adoc di Lecce esulta per la sentenza del TAR che annulla le delibere comunali del 2010 le quali avevano avviato la triste stagione del rilassamento in punta di click.

Il Presidente provinciale Presicce dichiara che “il Tribunale Amministrativo dice chiaramente che non si procede così, alla cieca, riclassando in un batter d'occhio 75.000 immobili in microzone che non sono affatto “micro”, in quanto pari al 90% della città e che l'iter seguito dall'amministrazione comunale era viziato sin dall'inizio. E nonostante l’Adoc e le altre associazioni dei consumatori, avevano segnalato, evidenziato l’inconsistenza di tale ordinanza, l'amministrazione comunale, testardamente, è rimasta sulle sue posizioni illegittimamente e in termini vessatori nei confronti dei cittadini che ora il T.A.R si è incaricata di annullare”.

Nei prossimi giorni, ricordano all’Adoc di Lecce, si leggerà e si analizzerà la sentenza nel dettaglio giuridico, ma “a caldo si può affermare che ora in questa città di Lecce qualcuno si assuma la responsabilità politica e amministrativa di scelte incomprensibili e di una operazione così vasta da divenire un fenomeno sociale che non può essere senza padri, figlia di nessuno”.

Certo non è possibile riavvolgere semplicemente il nastro del tempo e tirare avanti come se nulla fosse accaduto dopo 600.000 euro spesi dall’Agenzia delle Entrate per fare decine di migliaia di notifiche e il milione di euro spesi dai cittadini leccesi per i soli “contributi unificati”; ovvero la tassa per impugnare gli avvisi.

Quindi, qualcuno al vertice dell'amministrazione comunale oggi deve chiedere scusa ai concittadini, procedere al pagamento delle spese e trarne le conseguenze politiche.

P.S.: per maggiori dettagli l'Adoc di Lecce è a disposizione dei cittadini presso la propria sede in via P. Palumbo, n. 2 (nei pressi del viale dell'Università),  lunedì, martedì e venerdì dalle 11,30 alle 13,00, tel. 0832.246667; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

facebook:http://www.facebook.com/profile.php?id=100000824003263

Bookmark and Share