Grazie alla struttura territoriale allestita dall’ADOC per proteggere e tutelare le vacanze dei cittadini, siamo in grado di segnalare un’altra tegola sull’estate dei vacanzieri ed in particolare di quelli che hanno scelto la Grecia per il loro relax.

Dal Porto di Brindisi, la tratta per Corfù è coperta quest’anno dalla società greca EGNATIA SEAWAYS SA che opera attraverso il traghetto denominato LARKS. Questo traghetto, costruito nel 1976, mostra tutti i segni del tempo e sta causando non pochi disagi agli sfortunati utenti.

Oltre all’apparenza piuttosto dimessa, sulla tratta si stanno accumulando ritardi e disservizi. Ad esempio il viaggio Brindisi-Corfù del 16 luglio ha subito un ritardo di circa 10 ore a causa di un non meglio precisato guasto tecnico. I passeggeri addormentatisi in cabina a Brindisi, convinti dalla propria sveglia da viaggio di essere giunti nel porto di Corfù, solo guardando dagli oblò hanno fatto la spiacevole scoperta di non essere nemmeno partiti dal porto di Brindisi! Nello scorso fine settimana si sono registrati nuovamente disagi con la nave che non è riuscita a garantire la partenza da Brindisi, essendo ferma nel porto di Zante in avaria. Domenica scorsa, in particolare, solo all’ultimo momento i passeggeri che la attendevano nel porto di Corfù a causa di ben 4 ore di ritardo hanno saputo che il Porto di destinazione non era Brindisi, ma Bari. Insomma un vero pasticcio. Sorge il più che fondato dubbio, a questo punto, che la nave non sia in gradi di effettuare in piena sicurezza il servizio al quale è destinata.

 

Adoc invita l’Autorità Portuale di Brindisi e la Capitaneria di Porto a verificare se esistano le condizioni di sicurezza e gli standard di efficienza che consentano alla compagnia di continuare a operare sulla tratta Italia-Grecia con il traghetto Larks.

Adoc inoltre precisa che il Regolamento EU n. 1177/2010 regola i casi di ritardi o cancellazioni dovute al traffico marittimo e prevede compensazioni pecuniarie e diritti di assistenza ai passeggeri.

 

Adoc invita i cittadini a rivolgersi con fiducia agli sportelli Adoc di Brindisi in Corso Umberto I°, 85 - tel. 0831523572 - SOS 3490733840 - e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e allo sportello di Lecce in via Pietro Palumbo, 2 – email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. SOS 3475599703.

Lecce-Brindisi, 29 luglio 2014

Adoc Lecce

 

Adoc Brindisi

Bookmark and Share