Il sottopasso a Brindisi: tutti lo cercano nessuno lo trova

La denuncia dell’Adoc provinciale che fornisce anche alcune soluzioni per risolvere temporaneamente il caso

 

L’Adoc sta ricevendo numerose segnalazioni da parte di cittadini in riferimento all’utilizzo limitato del sottopasso pedonale di Via Torpisana, inaugurato recentemente. Alle note vicende legate agli orari di apertura, alla fruibilità dei sistemi dedicati ai diversamente abili e alla pulizia, rimasti parzialmente irrisolti e di cui l’amministrazione comunale è a conoscenza, l’associazione a difesa dei cittadini ritiene utile sottolineare un altro aspetto sinora trascurato: quello relativo all’informazione.

In effetti non tutti conoscono quest’opera costata oltre 1.639.944,53 di € e quel che è più grave, non tutti i brindisini sanno dov’è collocata ed il posizionamento degli accessi: sia su Piazza Crispi sia sul lato di Via Tor Pisana.  Se in quest’ultimo caso la nuova struttura può attrarre l’attenzione di automobilisti e pedoni, dal lato stazione ferroviaria, per chi non è già transitato, risulta difficile individuare il varco tra i tanti accessi presenti. Una soluzione al problema può essere rappresentata dalla collocazione di insegne luminose sui due lati di accesso dando una denominazione specifica agli  stessi tale da connotarne la direzione ed il collegamento tra due zone importantissime della città. Tutto ciò in attesa di veder utilizzate le aree dismesse della RTI finalizzate all’ampliamento della superficie destinata a parcheggio che consentirebbe un accesso più agevole verso il centro cittadino decongestionandone il traffico con benefici per vivibilità ed ambiente. Un ampliamento già sollecitato in passato così come la realizzazione di uno spartitraffico che oltre a rappresentare ulteriori superfici per la sosta può contribuire a migliorare la sicurezza stradale oltre che la riqualificazione dell’area con il posizionamento di piante ed alberi.  Oggi la carenza di aree parcheggio sta penalizzando i cittadini della zona a ridosso di Via Tor Pisana costretti a convivere con soste di veicoli che riducono al minimo la disponibilità degli spazi sinora utilizzati dai residenti.

 

Brindisi, 27 Giugno 2012

A CURA UFFICIO STAMPA ADOC BRINDISI  

Bookmark and Share