COMUNICATO

 

“Con il calo dei consumi e con prospettive economiche e occupazionali incerte, anche per i salari, è gioco forza ritrovarsi con un italiano su tre che ha ipotizzato di andare in vacanza”.

Questo l’amaro commento espresso dall’Adoc Puglia durante la presentazione del Pit (Pronto Intervento Turista), un servizio fornito attraverso un numero di telefonia mobile, il 333.786.05.05, che si sostituisce alla sede fissa che osserva la chiusura durante il mese di agosto.

“E’ una alternativa che mettiamo a disposizione dei consumatori – dichiara Aida Viti, una dei legali messasi a disposizione dall’altro capo del telefono -, ma soprattutto ai turisti e ai viaggiatori che ci interpellano o che dovessero sopportare disagi, o che vedono svanire il contratto sottoscritto, o che è meglio visitare una casa vacanza prima di affittarla online”.

Il telefono, resterà acceso dalle ore 10:00 alle ore 18:00 di tutti i giorni di agosto proprio per l’obiettivo di intervenire in tempo reale, ma pronti ad ascoltare, non solo i commenti o le imprecazioni, ma anche i racconti di chi si è visto rovinare una vacanza per un bagaglio che non giunge a destinazione o per il ritardo dell’aereo oppure se la struttura ricettiva non è conforme al catalogo visionato.

“Siamo curiosi di conoscere e sapere - aggiunge Giulia Procino, dell’ufficio legale dell’Adoc – se il turista ha trovato prezzi identici e tutti i confort dell’hotel illustrati sui siti di motori di ricerca in quanto, quest’anno più che mai, sembra abbiano scatenato una concorrenza tra loro che a noi sembra più apparenza che altro”.

Finora non si registrano roboanti casi da sottoporre all’attenzione dei media, e non se ne vorrebbero avere, ma l’Adoc Puglia è a disposizione dei cittadini e quest’anno presterà molta più attenzione alle strutture che vietano l’accesso, anche al mare, dei disabili.

“Infatti - afferma Giovanni Romito, Presidente dell’associazione HBari 2003 – la nostra missione è quella di rendere più agevole l’esistenza delle persone svantaggiate con tutti i mezzi leciti per fare in modo che le norme, peraltro molto evolute, vengano applicate e non ignorate. In questo collaboreremo con l’Adoc al fine di segnalare con precisione le strutture ricettive, gli accessi al mare, le attività commerciali che presentano barriere architettoniche”.

Quindi, è l’Adoc l’associazione dei consumatori che si dedicherà ad agosto a raccogliere notizie e giudizi sulle vacanze italiane in quanto, il servizio PIT è a disposizione per tutto il territorio nazionale ed è una attività che rientra nel programma generale di intervento a favore dei consumatori della Regione Puglia.

 

Dip.to Stampa Adoc Puglia

Roberta Longo

Bookmark and Share