È entrata in vigore in questi giorni la nuova normativa che consente di dichiarare Birra artigianale in etichetta qualora venga prodotta “da piccoli birrifici indipendenti che non ha subito né pastorizzazione né microfiltrazione”. La nuova denominazione, che si spera possa mettere fine al far west , è contenuta nell’articolo 35 della legge 154 del 28 luglio scorso e mira a fare chiarezza in un settore dove sono attivi oltre mille birrifici per una produzione stimanata di 45milioni di litri all’anno.

Secondo la nuova normativa per piccolo birrificio, si intende “quello che non supera una produzione annua di 200mila ettolitri (compresa la quantità in contoterzismo) e che è comunque indipendente sia economicamente che legalmente e fisicamente, da altri birrifici maggiori”.

LE GRANDI BIRRE ARTIGIANALI IN PUGLIA

In Puglia troviamo alcuni birrifici premiati dalla rivista “Guida alle Birre d’Italia 2017” curata da Slow Food. Ed eccoli elencati:

  1. Moscata – Birranova, Conversano (BA)
  2. Tensione Evolutiva – Birranova, Conversano (BA)
  3. Winters – Ebers, Foggia
  4. Warning Hop – B94, Lecce
  5. Fortemalto – Birrificio Svevo, Modugno (BA)
  6. Hirderga – Decimoprimo, Trinitapoli (BT)

 

 

Bookmark and Share