Gli obbligazionisti dell’ex compagnia Alitalia possono presentare le domande di ammissione al passivo la cui udienza, per la verifica dei crediti, è fissata per il 21 ottobre prossimo. La data non deve sottintendere che c’è chissà quanto tempo a disposizione – fa notare l’Adoc Puglia, l’associazione di consumatoti pugliesi -, solo perché il Giudice delegato non ha stabilito il termine ultimo”.

Il consiglio dell’Adoc regionale è quello di depositare i documenti giustificativi del diritto dei singoli obbligazionisti, in relazione alla domanda di insinuazione presentata dal rappresentante comune a suo tempo, quanto prima possibile.

Va ricordato – precisa ancora l’associazione dei consumatori – che ad integrazione della domanda, occorre depositare la certificazione in originale dell’intermediario finanziario depositario dei titoli riferita alla data del 29.08.2008”.

La documentazione va allegata ad un fac-simile di lettera di accompagnamento in duplice copia (l’originale sarà custodito in Tribunale, la seconda ad uso del Commissario straordinario) sulle quali riportare la seguente dichiarazione: “la copia prodotta per il Commissario è conforme all’originale” e depositate a mano presso la Cancelleria del Tribunale di Roma – Sezione Fallimentare – V.le G. Cesare 54/B – stanza n. 49 – 00192 Roma o anche per raccomandata, con avviso di ricevimento, allo stesso indirizzo.

La sede regionale dell’Adoc (a Bari, C.so A. De Gasperi n. 270, orario pomeridiano), oltre ad invitare gli interessati a consultare il sito www.alitaliaamministrazionestraordinaria.com, resta a disposizione di quanti intendono avvalersi di ulteriori informazioni o per una assistenza, tenendo presente che alla lettera di accompagnamento deve essere allegata la certificazione in originale e le fotocopie di un documento valido di riconoscimento e del codice fiscale.

Bookmark and Share