Sarà pari al 50% il rimborso del valore posseduto dagli obbligazionisti Alitalia, e avverrà attraverso lo scambio con titoli di Stato di nuova emissione, senza cedole e con scadenza nel 2012.

Sostanzialmente, il rimborso riguarda i sottoscrittori del deposito obbligazionario “Alitalia 7,5% 2002-2010 convertibile”. E, in tutto, sono a disposizione cento milioni di euro.

Le obbligazioni saranno scambiate ad un valore determinato sulla base del prezzo medio di borsa delle obbligazioni nell’ultimo mese di negoziazione, ridotto del 50%, mentre i titoli di Stato avranno un taglio minimo unitario di 1.000,00 (mille) euro, e il rimborso, in ogni caso, non supererà i 100.000,00 (centomila) euro per sottoscrittore.

Gli obbligazionisti interessati dovranno presentare domanda al ministero dell’Economia entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, pena qualunque diritto relativo alle obbligazioni, alla cui scadenza andranno perse per sempre.

La domanda deve essere inoltrata tramite gli intermediari finanziari che curano la gestione del conto di deposito nel quale si trovano le obbligazioni.


 


 

Roberta Longo

Ufficio Comunicazione Adoc Puglia


 

Bookmark and Share