Centinaia di cittadini, per lo più residenti nei quartieri La Rosa  e Paradiso di Brindisi, stanno segnalando all’Adoc l’arrivo degli avvisi di pagamento inviati loro dall’Acquedotto Pugliese e tesi a recuperare quote pregresse relative al servizio di fognatura e depurazione.

 

Le richieste avanzate fanno riferimento al D.Lgs. 152/2006 art.155 che modifica le modalità di calcolo ed applicazione della quota di tariffa riferita al servizio di allontanamento liquami e di depurazione reflui stabilendo che è dovuta dagli utenti allacciati alla rete fognante sulla scorta dei volumi di acqua forniti, prelevati o comunque accumulati.

Nelle missive, inoltre, non è dato sapere se nelle fatturazioni saranno applicati oneri ed interessi o comunque se si è tenuto conto di possibili situazioni che possono aver influito sulla fruizione del servizio. Dalla sede dell’Adoc brindisina immaginano, ad esempio, se fra i destinatari risultano coloro i quali hanno subito perdite in linea.

In ogni caso l’Adoc provinciale è intervenuta presso l’AQP chiedendo lumi ma, soprattutto, un incontro urgente al fine di affrontare l’argomento con lo scopo di verificare la legittimità di quanto richiesto e per evitare ulteriori esborsi per l’utenza già di per sé in seria difficoltà economica.

 

 

A cura dell’Adoc di Brindisi

Bookmark and Share