Pur riconoscendo, pubblicamente, che la M.M. di Brindisi è stata da sempre un forte punto di riferimento per l’intera comunità Brindisina, si rende indispensabile evidenziare lo stato di degrado in cui versa l’ex stabilimento balneare di “Sciaia a Mare”, per molti anni riservato agli ufficiali. Una situazione che, oltre a rappresentare un potenziale pericolo per i cittadini, determina un deturpamento del paesaggio andando a penalizzare una delle zone di mare maggiormente caratteristiche della città.

Pertanto, in considerazione del legame che intercorre tra la M.M. e la città, e l’importanza della risorsa mare per Brindisi, l’Adoc chiede un intervento urgente per il recupero della struttura.

Qualora non fosse possibile, per il disinteresse del Ministero della Difesa, sarebbe auspicabile una cessione nelle forme previste dalle vigenti normative per scopi sociali.
La posizione logistica e le condizioni favorevoli che vedono la zona al riparo delle mareggiate potrebbero favorire attività volte al recupero dei disabili nonché una facile fruizione per gli anziani.
In ultima analisi, se non rientra nei programmi della Marina Militare, si rende indispensabile un intervento tempestivo e risolutivo di messa in sicurezza e bonifica dell’intera zona; ivi compreso l’edificio prospiciente anch’esso in stato di abbandono.
 
Brindisi, 11 Maggio 2010
 
 
IL PRESIDENTE PROV.LE
         Zippo Giuseppe
Bookmark and Share