Certamente il Parco dei Bambini rappresenta uno dei punti più gradevoli della città, dove portare i bambini a giocare e a divertirsi. Il progetto innovativo e la sua particolare struttura lo rendono appetibile per le famiglie leccesi, che per il resto hanno pochissime aree verdi dove sia possibile far ricreare i ragazzi.

Tuttavia, varie famiglie hanno fatto notare che il viale che costeggia il parco viene percorso a forte velocità dalle autovetture, generando una condizione di estrema pericolosità soprattutto per la fruizione dei piccoli utenti.

L’Adoc pertanto chiede che qualche centinaio di metri prima del Parco vengano installati appositi rallentatori sulla carreggiata e venga ridotta la sezione della strada (almeno sulla carreggiata con direzione periferia-centro che lambisce il Parco stesso), mentre, quando si giunge in corrispondenza del Parco, venga istituita, in viale Giovanni Paolo II, una “zona 30km/h”.

 

L’associazione chiede altresì che l’attraversamento pedonale del parco sia illuminato e presidiato da apposita segnaletica lampeggiante.

Solo così si potrà garantire sicurezza alle famiglie e ai bambini che frequentano il Parco e si potrà ridurre anche l’inquinamento acustico e atmosferico generato dal traffico intenso sul viale Giovanni Paolo II.

L’associazione dei consumatori leccese è certa che l’amministrazione, ed in particolare l’assessorato alla Mobilità, vorrà prendere in seria considerazione i preziosi suggerimenti che le famiglie leccesi recapitano alla stessa Adoc e ad adoperarsi nel senso sopra descritto.

La riduzione della sezione stradale, opportunamente segnalata, è una delle migliori strategie sperimentate ovunque in Italia ed in Europa per il rallentamento del traffico, in punti particolarmente sensibili delle città.

Bookmark and Share