Da questo mese, cambia la logica dei numeri brevi in “decade 4”, secondo quanto stabilito dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.A ricordarlo è l’Adoc regionale, l’associazione dei consumatori, la quale precisa come le numerazioni con “decade 4” offrono diversi servizi. Infatti, tramite i numeri che iniziano con il 4, si può fare, indifferentemente, una donazione, televotare, acquistare contenuti per il cellulare (suonerie, sfondi, video, canzoni…), abbonarsi ad un servizio di news.

“Per questo motivo – dichiara Valeria Andriano dell’Adoc Puglia – la confusione è inevitabile ma, soprattutto, ciò che inganna l’utente è l’attivazione di servizi in abbonamento indebiti con relative spese indesiderate che, se si intendono disdire, è necessario chiamare il servizio clienti del proprio gestore telefonico o mandare un sms con il codice di disattivazione che cambia a seconda del servizio scelto e della società che lo fornisce”
Per tutelare il consumatore, l’Adoc regionale fornisce l’abbinamento dei numeri al servizio. Quindi, per fare donazioni si utilizza il 455 (ad eccezione delle raccolte fondi già in corso); quelle con 40xxx sono gratuite, il 41xxx indicano i servizi a pagamento secondo diversi piani tariffari. Mentre, i 42xxx racchiudono servizi con tariffazione massima di 1€ al minuto e i numeri 43xxx e 44xxx sono servizi di carattere informativo (notizie su promozioni). Infine, i 45xxx e 46xxx sono per servizi di massa (SMS solidali o televoto) e i 48xxx e 49xxx sono servizi a pagamento per la vendita di prodotti e servizi (il Ministero delle Comunicazioni con il Regolamento recante la disciplina dei servizi a sovrapprezzo ha stabilito un costo massimo di € 12.50, Iva esclusa, per ogni comunicazione).
“La seconda novità – prosegue Valeria Andriano - riguarda l’obbligo per i gestori di telefonia di disabilitare tali numerazioni dalle utenze mobili. Tale operazione non è automatica per i cellulari perciò, è bene richiedere esplicitamente la disattivazione al proprio gestore; mentre, per quanto riguarda le utenze di rete fissa non sarà più possibile effettuare chiamate verso i numeri che iniziano con il 4, gli 899, 892, e sia i dialer informatici che i numeri speciali satellitari risulteranno bloccati in automatico”.
Chiunque, invece, voglia continuare ad avvalersi di questi numeri, è prevista l’opzione per sbloccare totalmente o parzialmente detti servizi contattando il proprio operatore. Quindi, nel digitare un numero telefonico, l’Adoc consiglia di prestare attenzione alle prime cifre che lo compongono e raccomanda di leggere o ascoltare accuratamente il messaggio di presentazione che deve essere esplicito e gratuito per informarsi sulla natura del servizio e sui relativi costi. Collegandosi al sito www.adocpuglia.it, area tematica “internet e comunicazioni”, è possibile visualizzare il riepilogo completo dei numeri attivati e i relativi costi.
 
Roberta Longo
Ufficio Stampa Adoc Puglia
Bookmark and Share